Morgan sul palco dell’Estragon di Bologna

In questo periodo a Bologna non si fa che un gran parlare della Festa dell’Unità e della sua ritrovata collocazione al Parco Nord. Torniamo indietro di circa un anno, al 31 Agosto 2018. Quando nella stessa sede si tenne Made in Parco Nord e avemmo il piacere di organizzare il live di Morgan.

Morgan a Bologna - Estragon
L’artista, com’è noto, è un personaggio sopra le righe e con un carattere tutto particolare. Non sempre gestibile. A dispetto di queste premesse però si presentò puntualmente. Nè lui né il suo staff avanzarono pretese esose e la professionalità permeò il Backstage di Estragon, in quella che a tutti gli effetti fu la prima data degna di nota recante il marchio “Che Bello Eventi”. La performance non fu impeccabile sotto il profilo tecnico, ma fu UNICA sotto il profilo artistico. Intima, bellissima e ricca di improvvisazioni. Tra tutte ci fu l’ingresso sul palco di Fede Poggipollini (storico chitarrista di Ligabue) con cui intonò ‘Heroes’ di David Bowie. Il repertorio scavava, assieme al compagno di mille avventure Megaherz, tra i classici del rock. Fu una bellissima combinazione con i brani cardine della carriera dei Bluvertigo, il tutto alternato a sprazzi di cantautorato.

Morgan concluse lo show suonando una sorta di canzone dell’addio, improvvisata e col basso fuori tempo. Un epilogo a dir poco singolare, che ha spiazzato il pubblico accorso quanto i presenti dietro le quinte. A quanto pare, qualche volta, anche Morgan ama prendersi alla leggera.

Non è sempre consuetudine in questo mestiere salutarsi con un abbraccio e un sorriso sulle labbra, eppure quella sera è successo, con lo staff di un artista ostico in un posto reso ancora più ostico dalle condizioni meteo avverse (il concerto inizialmente avrebbe dovuto tenersi all’aperto).